All newsAltri eventiAltri impiantiCalcioCalcioCalcio.Internazionalehome pageIstituzione e AttualitàLiga SantanderSponsorshipSport Business

Atletico Madrid: uno stadio hi-tech di nome Wanda

Tecnologia ed illuminazione speciale per stupire con effetti speciali la fan base. Il progetto del nuovo stadio dell’Atletico Madrid (sponsorizzato dallo sponsor-socio cinese Wanda) diventa l’occasione per rilanciare la “corporate identity” del club (attraverso l’adozione di un nuovo logotipo). L’Atletico Madrid inaugurerà l’impianto, localizzato nell’area de  La Peineta (si chiamerà Wanda Metropolitano) il prossimo 16 settembre (in occasione del match interno con il Malaga CF).

Il nome è legato al colosso cinese Wanda group (specializzato nel settore dell’entertainment, incluso quello sportivo), che possiede il 20% del club, oltre a detenere anche i naming rights del centro di allenamento dei Colchoneros.

L’impianto sarà caratterizzato da una illuminazione hi-tech (già testata nel vecchio stadio, il Vicente Calderon): la struttura sarà dotata della Philips ArenaExperience, un sistema di illuminazione led, che colpirà con una luce intensa il terreno di gioco e le tribune. Lo stadio diventerà bianco e rosso, colori sociali del club. Questa nuova tecnologia consentirà, inoltre, di realizzare un avveniristico light show ogni volta che i giocatori realizzeranno un gol. I tifosi potranno accedere allo stadio dalla zona ovest, da un ampio giardino, e si incontreranno nella parte inferiore della struttura. Qui sarà collocato il nuovo negozio ufficiale, il museo con una superficie di 2 mila mq e altre attività commerciali.

Dopo l’esordio contro il Malaga, il Wanda Metropolitano sarà pronto anche ad ospitare la Champions League, il prossimi 27 settembre,  arriverà il Chelsea di Antonio Conte, nel secondo turno del girone “C” di Champions League. E il 22 novembre toccherà alla AS Roma.

Previous post

Sanzione fortemente ridotta per Canal (Pescara calcio a 5)

Next post

L'SSC Napoli in serie A e in Champions league con Opel

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *